Black Heart Procession @ Magnolia, Segrate (MI)
8-3-2017

di Silvia Vecchini

I Black Heart Procession sono degli americani alternativi funerei e depressoni di San Diego, li seguo con depressione io stessa dal 2009. Hanno suonato al Magnolia ieri sera, con la consueta prassi “band Y performing album X”, in questo caso trattavasi del debut studio album '1'. Nella piccola sala super gremita di gente di nero vestita (che perlopiù si fissava i piedi) batteva un grande cuore nero, forte come se il suono arrivasse dentro la pancia della balena dal fondo dell’oceano. La batteria non c’è sempre, ma quando c’è t’ammazza. I Black Heart Procession sono intensi, riempiono lo spazio. Non sono adatti ai deboli di quell’organo lì.

Quell’organo è la loro ossessione. Praticamente tutte le canzoni di '1' lo citano. Rilasciato, acquoso, blu, da rattoppare, congelato, quadrato, nero, che cade da un cavallo, grande come un cavallo. 'Release My Heart', 'Blue Water-Black Heart' , 'The Winter My Heart Froze', 'Stitched to My Heart', 'Square Heart', 'A Heart The Size Of A Horse'.

Finita la performance dell’intero l’album '1', e visto che sono stronzi, sorseggiando whisky e acqua (come prima cosa Pall Jenkins ha detto che la Becks offerta dal Magnolia gli faceva schifo), si sono rifiutati di suonare le espressamente richieste a gran voce dalle fan più depresse (chi, io? no no) 'Blue Tears', 'It's A Crime I Never Told You About The Diamonds In Your Eyes' e 'A Light So Dim' per il bis. Insomma, mi è andata bene alla fine. Tre pezzi che potevano ammazzarmi. Hanno invece cambiato tema, e dopo una piccola invettiva contro Trump e il suo muro, hanno introdotto una nuova canzone, che non parla di cuore, ma di confini.

Comunque ho pianto lo stesso come un vitello sgozzato a seguito della canzone particolarmente cruenta 'A Heart the Size Of A Horse', sfido chiunque a reggere una frase come “You were in the trinity of my beating heart, I should have known when my heart fell from the heart”. Di fianco a me un diciannovenne che sapeva tutti i pezzi a memoria mi ha abbracciato e mi ha dato di nuovo la fiducia nei giovani e la forza di andare avanti. La processione del cuore nero avanza, se ce l’hai così è inutile provare a fermarlo.

Pubblicità

NEWS.-

DISCHI.-


CONCERTI.-

Facebook