Hop Along: ‘Bark Your Head Off, Dog’ (Saddle Creek, 2018)

E’ dal 2005 che Frances Quinlan da Philapelphia scrive, canta e incide le sue canzoni sghembe e istintive. In principio come Hop Along, Queen Ansleis, lungo moniker che celava un progetto solista di folk acustico piuttosto freak. La prima parte della denominazione, Hop Along, rimase appiccicata a Frances anche quando decise di non fare più tutto da sola ma di formare una vera e propria band insieme al fratello (batterista) Mark. Era il 2009. Da allora sono arrivati due album di cui il sophomore, ‘Painted Shut‘ (2015), è stato una vera e propria rivelazione. Ovviamente Frances ne era la protagonista assoluta, eccezionale nello scrivere ma soprattutto nell’interpretare i suoi brani, che emozionalmente sprigionavano abbondanti quantità di vigore, vitalità e dolcezza, e che stilisticamente compattavano elementi grunge, folk, punk e power-pop in un condensato di grandissima personalità.

Era facile prevedere che il momento del definitivo salto di qualità sarebbe arrivato. Ed è arrivato. ‘Bark Your Head Off, Dog‘ è la consacrazione di una cantautrice che non potrà rimanere ancora per molto tra gli ascolti di nicchia. Sì, perché in questo loro terzo LP gli Hop Along riescono ad addolcire il proprio suono senza disperderne l’estro (‘How Simple‘, ‘Somewhere A Judge‘), anzi, ampliando la strumentazione utilizzata e la stratificazione sonora lo rendono più complesso e interessante, ma anche più fruibile (‘Not Abel‘, ‘Prior Things‘). Con l’abbassamento dei volumi delle chitarre e la limitazione delle distorsioni, la voce passionale e risoluta di Frances emerge in tutta la sua energia emotiva (‘How You Got Your Limp‘, ‘What The Writer Meant‘). E’ un elemento fondamentale per il trionfo, inequivocabile, di queste nuove bellissime canzoni, che hanno il pregio, dalla prima all’ultima, di coinvolgere indissolubilmente chi le ascolta. La Quinlan ha un dono che solo i grandi scrittori possiedono: quello di farsi sentire vicina, come un’amica che dice sempre le cose giuste al momento giusto. Ha realizzato il suo miglior album di sempre, che è anche uno dei migliori dell’anno in corso. Se dovesse arrivare al successo e al grande pubblico, se lo sarebbe meritato.

VOTO: 😀


Precedente Le news di oggi: My Bloody Valentine, Placebo, Mercury Rev, Damien Jurado, E Successivo Le news di oggi: Japandroids, Lump, Billie Joe, Rolling Blackouts Coastal Fever, Great Lake Swimmers

Lascia un commento

*