Introducing: The Amazons
26-12-2016

(RC) Matt, Joe, Elliot e Chris vengono da Reading e si fanno chiamare The Amazons: carichi e aggressivi puntano su un guitar-pop/rock dal forte impatto e dalle melodie chiare e soniche, di quelle che il ritornellone emerge prepotente mentre i riff delle chitarre sono di quelli grossi ed epici.

Il 2015 ha visto il primo biglietto da visita, ovvero l'EP 'Don't You Wanna' che racchiude i primi singoli 'Ultraviolet e 'Junk Food Forever', ma non sono da meno la robusta 'Millions' e la ridondante 'Something In The Water'. I giri del motore sono decisamente alti anche nel 2016 con l'esplosiva 'Stay With Me' e 'Nightdriving' che non molla di un centimetro e ovviamente trova un ritornello che ti va subito di gridare a gran voce.

Modelli di riferimento? Beh loro stessi ne citano un bel po', non prima di essersi definiti come "loud as fuck": escono fuori i nomi di Arcade Fire, Springsteen, Nirvana, Bombay Bicycle Club e Vaccines e direi che vanno tutti piuttosto bene, certo bisogna filtrare tutti quanti attraverso una fortissima dose di esuberanza giovanile, che magari aumenta potenza ed energia ma a tratti scivola verso lo scontato.

Il nuovo proiettile sparato dalla band è 'In My Mind', in cui i ritmi calano un po' e il brano ha quasi un tiro zeppeliniano, non fosse per il ritornello con quei coretti sotto che riporta all'essenza della band e al finalone epico, mentre l'anno 2016 si chiude con il singolo 'Little Something', forse l'uscita più rabbiosa e oscura mai prodotta dalla band. Manca davvero poco a un disco che si preannuncia molto interessante...

Pubblicità

NEWS.-

DISCHI.-


CONCERTI.-

Facebook