Gabby’s World: ‘Beast On Beast’ (Yellow K, 2018)


Genere: indie-pop | Uscita: 2 novembre 2018

Sebbene ‘Beast On Beast‘ sia il primo album accreditato al moniker Gabby’s World, la titolare del progetto, Gabrielle Smith, non è certo una musicista alle prime armi. E’ dal 2007 che frequenta la scena DIY newyorkese e che compone e pubblica musica: tenendo conto delle precedenti denominazioni della sua band, Eskimeaux e Ó, questo è il suo tredicesimo disco della carriera.

La prolificità compositiva è del resto tratto comune di un’intera nuova generazione di band provenienti dalla Grande Mela che ruotano intorno a una sorta di centro sociale autogestito chiamato Silent Barn (dove peraltro questo lavoro è stato registrato). Si scambiano idee, esperienze e anche musicisti, come avviene in questo LP, zeppo di illustri collaboratori: Yoni Wolf dei Why?, Greta Kline dei Frankie Cosmos, Luke Jenner dei Rapture, e Alex Bleeker dei Real Estate, oltre alla backing band di Gabrielle, formata da membri di Bellows, Told Slant e Sharpless.

Come nel caso di Frankie Cosmos e Florist, due dei migliori prodotti della scena di cui sopra, anche i Gabby’s World mostrano una non comune sensibilità melodica, che oscilla tra l’energia dei primi e l’introspezione dei secondi. Ballate dolci-amare come ‘Winter, Withdraw‘, ‘Ode‘, la title-track ‘Beast On Beast‘ e l’intimissima ‘When I Felt Giving‘ si alternano a tirati power-pop come ‘Rear View‘, ‘I Get You‘ e ‘Body‘, mostrando come entrambi gli approcci riescano a fare centro grazie anche alle scelte azzeccate in fase di arrangiamento e produzione. Sebbene l’estetica lo-fi sia sempre totalmente presente, l’esperienza decennale di Gabrielle torna utile nell’accuratezza delle scelte stilistiche, che passano agilmente dall’acustico all’elettrico e contemplano anche archi e tastiere. ‘Beast On Beast‘ è  dunque un disco immediato ma non troppo prevedibile, e soprattutto composto interamente di canzoni che è un piacere ascoltare.

VOTO: 🙂



Precedente Le uscite della settimana: Moonface, Sun Kil Moon, Prodigy, Bill Ryder-Jones... Successivo Breaking news: Muse

Lascia un commento