Le news di oggi: Ben Howard, Squid, Whispering Sons, Tune-Yards, Xiu Xiu


Lo aveva già preannunciato la scorsa settimana: Ben Howard ha pronta della nuova musica, che si concretizza nel singolo ‘What A Day‘, di pubblico dominio da oggi, e nell’album ‘Collections From The Whiteout‘, che uscirà il 26 marzo prossimo per Island. Particolare non secondario, quello che sarà il seguito di ‘Noonday Dream‘ (2018) è prodotto da Aaron Dessner dei National. È peraltro la prima volta che il cantautore londinese non si occupa in prima persona della produzione di un suo LP.


È da un po’ che si attende l’album di debutto degli Squid: arriverà relativamente presto, il 7 maggio prossimo via Warp Records, con il titolo di ‘Bright Green Field‘. Registrato insieme a un producer di grido come Dan Carey, il disco è così descritto dal frontman frontman Ollie Judge: “Le uscite precedenti erano più spensierate, questo album è più cupo, la profondità emotiva della musica è aumentata“. A dimostrazione, il primo epico singolo ‘Narrator‘, dalla significativa durata di oltre 8 minuti e mezzo.


Dopo un debutto molto impattante come ‘Image‘ (2018), i Whispering Sons sono attesi al fatidico secondo album, che sembra avvicinarsi a grandi passi. Anche se non ancora ufficiale, pare proprio che l’ipnotico singolo ‘Surface‘, diffuso oggi, possa esserne un’anticipazione. La nota stampa lo fa intendere, descrivendolo come “un brano dalla forte estetica post-punk, che combina elementi di no wave, industrial e avant-punk (…) un manifesto di quello che verrà“.


Nuovo LP in arrivo anche per i Tune-Yards: ‘Sketchy‘, questo il titolo, verrà pubblicato il 26 marzo dalla 4AD. “Ho cominciato a realizzare che il pubblico ci ascolta per divertirsi, muoversi ed essere felice“, spiega la frontwoman Merrill Garbus, che insieme al partner Nate Brenner ha abbandonato il sintetico per suonare tutto in analogico. Esemplificativo, in tal senso, è il nuovo singolo ‘Hold Yourself‘, che segue l’altro estratto ‘Nowhere Man‘.


Uscirà il 26 marzo anche il nuovo LP degli Xiu Xiu: ‘Oh No‘ sarà interamente costituito da duetti, tra cui quelli con Sharon Van Etten, Owen Pallett, Chelsea Wolfe, Angus Andrew dei Liars, Jonathan Meiburg degli Shearwater e Twin Shadow. “Le guest star di ‘Oh No’ hanno contribuito a ricordarmi che il rapporto tra esseri umani meravigliosi ed esseri umani m*rd*si è più simile a un 60/40 piuttosto che a quel 1/99 che ho sempre pensato fosse“, spiega con un certo sarcasmo il leader Jamie Stewart. Primo estratto è un brano inciso con Liz Harris dei Grouper che si intitola ‘A Bottle Of Rum‘.


Lascia un commento


Indie-Rock.it è un blog personale ideato e redatto da Cristiano Gruppi.
È stato fondato a dicembre 2005 e 'ricondizionato' a febbraio 2018.
Intende trattare esclusivamente di rock alternativo internazionale.
NON si occupa, dunque, di artisti italiani.