Le news di oggi: Chromatics, Chvrches, Vetiver, Nada Surf, José Gonzalez


E’ finalmente arrivato il momento del nuovo album dei Chromatics. Su Spotify è già pronta la pagina per l’ascolto di ‘Closer To Grey‘, primo loro LP di canzoni dai tempi di ‘Kill For Love‘ del 2012. Sarà udibile a tutti dalla mezzanotte di oggi. Sembra dunque improbabile che accada come nel 2014, quando un album intitolato ‘Dear Tommy‘ venne a più riprese annunciato dalla band americana senza però vedere mai la luce. Gli stessi Chromatics però lo considerano ancora come esistente, tanto che ‘Closer To Grey‘ viene definito il loro “settimo album“, anche se a rigor di logica (e di conti) sarebbe il sesto.


Sempre in ambito electro-pop, c’è una nuova canzone per i Chvrches: si intitola ‘Death Stranding‘ ed è sostanzialmente la title-track del videogioco omonimo disegnato da Hideo Kojima e disponibile per Playstation da novembre.


Nuovo album anche per i redivivi Vetiver: il 1° novembre arriverà ‘Up On High‘, settimo album in carriera per la folk-band di San Francisco, che giunge a più di quattro anni di distanza dal precedente ‘Complete Strangers‘ (2015). Ad anticiparlo già due singoli: ‘To Who Knows Where‘ e ‘Swaying‘.



Di nuovo in Italia i Nada Surf: martedì 7 aprile 2020 saranno alla Santeria di Milano, unica data nel nostro paese. I biglietti, disponibili da giovedì sui canali Ticketone, Vivaticket e Mailticket, costeranno 25 euro più diritti e commissioni di prevendita.


Bisognerà invece attendere novembre dell’anno prossimo per vedere in Italia José Gonzalez dopo la cancellazione dei concerti che dovevano tenersi a fine settembre. Il musicista svedese sarà giovedì 5 all’Auditorium Parco della Musica di Roma, venerdì 6 al Teatro Dal Verme di Milano e domenica 8 al Teatro Manzoni di Bologna. I biglietti sono già in vendita da oggi su Ticketone, vanno da 25 a oltre 50 euro a seconda della location e della posizione.


Lascia un commento


Indie-Rock.it è un blog personale ideato e redatto da Cristiano Gruppi.
È stato fondato a dicembre 2005 e 'ricondizionato' a febbraio 2018.
Intende trattare esclusivamente di rock alternativo internazionale.
NON si occupa, dunque, di artisti italiani.