Le news di oggi: Mogwai, Black Country New Road, Andrew Bird, Painted Shrines, Yung, Lana Del Rey, The 1975


È una vera e propria canzone, e anche molto bella, il nuovo singolo dei Mogwai. Come accade in questi rari casi, le parti vocali sono affidate a Stuart Braithwaite, ed è lo stesso chitarrista a sottolineare come si tratti “dell’unica pop-song convenzionale del disco“. Il titolo del brano, ‘Ritchie Sacramento‘ deriva dalla comica storpiatura delle generalità di Ryūichi Sakamoto ad opera di un conoscente del gruppo; in realtà il pezzo è dedicato “a tutti quegli amici musicisti che non ci sono più“, in particolare a Dave Berman dei Silver Jews, che ne ha ispirato le prime strofe. Il video, invece, è una creazione del regista Sam Wiehl con l’ausilio dell’Unreal Games Engine: in sostanza, è stato realizzato un vero e proprio videogame, utilizzato unicamente come animazione per la clip. ‘Ritchie Sacramento‘ farà parte della scaletta di ‘As The Love Continues‘, il nuovo LP della band scozzese, in uscita il 19 febbraio per Rock Action.


Sono sempre molto centellinate le pubblicazioni dei Black Country New Road. È dunque quasi un evento la diffusione di ‘Track X‘, uno dei sei brani che costituirà la tracklist di ‘For The First Time‘, il loro LP di debutto atteso per il 5 febbraio via Ninja Tune. Il frontman Isaac Wood, a proposito della nuova traccia, racconta che è stata “iniziata nel 2018, ma terminata soltanto di recente in studio“. “Alla gente verrà voglia di cantarla“, aggiunge, eventualità piuttosto inconsueta, in verità, quando si tratta delle composizioni dell’emergente band londinese.


Andrew Bird e Jimbo Mathus non collaboravano insieme dai tempi della comune militanza negli Squirrel Nut Zippers: parliamo, dunque, dei primi mesi dell’anno 2000. Lo hanno rifatto però, nei mesi scorsi, prima nell’ultimo disco di Bird (‘My Finest Work Yet‘, 2019), quindi arrivando a comporre un album condiviso che si intitola ‘These 13‘ e che uscirà il 5 marzo per Thirty Tigers. Conterrà, per l’appunto, 13 brani, tra cui il primo singolo denominato ‘Sweet Oblivion‘.


Sono Jeremy Earl dei Woods e Glenn Donaldson degli Skygreen Leopards i due membri dei Painted Shrines, band nuova di zecca che il 5 marzo esordirà con un album, ‘Heaven And Holy‘, ovviamente pubblicato da Woodsist. ‘Gone‘, brano stilisticamente molto affine proprio ai Woods, ne è il primo estratto.


Sono in quattro, vengono da Aahrus, Danimarca, e fanno un ottimo alt-rock d’autore. Gli Yung giungeranno presto al secondo album, ‘Ongoing Dispute‘, in uscita il 22 gennaio per l’etichetta svedese PNKSLM. Già quattro gli estratti sinora resi noti: ‘Progress‘, ‘Above Water‘, ‘Such A Man‘ e l’ultimo ‘Friends On Ice‘, un brano “su come il capitalismo ci fa credere di dover risolvere i problemi individualmente, e invece possiamo farlo soltanto tutti insieme“.


È già arrivato il momento del nuovo album di Lana Del Rey: ‘Chemtrails Over The Country Club‘ uscirà il 19 marzo per Interscope, è conterrà anche la title-track diffusa ieri. In scaletta ci sarà anche il precedente estratto ‘Let Me Love You Like a Woman‘ e una cover di Joni Mitchell, ‘For Free‘. Delle undici tracce complessive, otto sono state ancora una volta scritte con Jack Antonoff, una con Nick Nowels e un’altra con la cantautrice country Nikki Lane. A livello prettamente musicale, le prime due anticipazioni non fanno presupporre nessuna digressione dal consolidato dream-folk cinematico della cantante americana.


Niente 1975 dal vivo nel 2021: stante la costante diffusione della pandemia, la band inglese ha deciso di annullare tutte le date programmate quest’anno preferendo, come affermato da un post sul proprio profilo Instagram, concentrarsi sulla realizzazione di un nuovo album. Salta dunque anche il concerto previsto il 26 febbraio prossimo al Fabrique di Milano. Il rimborso dei biglietti potrà essere richiesto fino al 12 marzo 2021 sui canali utilizzati per l’acquisto.


Lascia un commento


Indie-Rock.it è un blog personale ideato e redatto da Cristiano Gruppi.
È stato fondato a dicembre 2005 e 'ricondizionato' a febbraio 2018.
Intende trattare esclusivamente di rock alternativo internazionale.
NON si occupa, dunque, di artisti italiani.