Le news di oggi: Spiritualized, Cigarettes After Sex, LVL UP, Deaf Havana, Bjork

Dopo il teaser tramite alfabeto morse, è finalmente realtà il nuovo album degli Spiritualized, che si intitola ‘And Nothing Hurt‘ e che uscirà il 7 settembre per Bella Union. Il disco è opera esclusiva di Jason Pierce, che lo ha scritto e prodotto nel suo appartamento di Londra imparando a utilizzare i moderni software per le registrazioni digitale. Diffusi oggi due dei nove brani in scaletta, ‘I’m Your Man‘, per cui c’è anche un video, e ‘A Perfect Miracle‘.


Un nuovo singolo, invece, per i Cigarettes After Sex: si chiama ‘Crush‘ e arriva a un anno dalla pubblicazione dell’esordio loro omonimo, oltre che in anticipo rispetto alle tre date italiane in programma a luglio: sabato 7 all’Anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera (BS), lunedì 9 nel cortile del Castello di Ferrara in occasione di Ferrara Sotto Le Stelle e martedì 10 al Teatro Romano di Ostia Antica per Rock In Roma.


Fine della corsa per i LVL UP, la band indie-rock newyorkese ha pubblicato sui propri social un comunicato in cui annuncia il proprio scioglimento. Il lascito del quartetto è un singolo di addio intitolato ‘Orchard‘, oltre a un tour negli States. Dei LVL UP faceva parte anche Dave Benton, che speriamo ora possa insistere sul suo progetto solista Trace Mountains.


Nuova musica anche per i Deaf Havana, che il 10 agosto faranno uscire il loro quinto album in carriera intitolato ‘Rituals‘. La nota stampa dice che questo album ha “sovvertito l’abituale processo di scrittura del gruppo”, dando in questo senso maggiore spazio al frontman James Veck-Gilodi. Primo estratto è un brano intitolato ‘Sinner‘.


Ci sono ancora biglietti per il concerto di Bjork di dopodomani, mercoledi 13 giugno, nella splendida cornice delle Terme di Caracalla a Roma, all’interno del Just Music Festival. I biglietti, che si trovano qui, vanno dai 60 ai 200 euro, a cui vanno aggiunti i diritti e le commissioni di prevendita.


Precedente Lykke Li: 'So Sad So Sexy' (RCA, 2018) Successivo M. Ward: 'What A Wonderful History' (autoproduzione, 2018)