Le nuove band del weekend: Murder Capital, Electric Youth, Harmaleighs

Il successo dei Fontaines DC gli ha di certo spianato la strada, ma ma la notorietà acquisita dai Murder Capital è assolutamente meritata. Anche loro di Dublino, anche loro fondamentalmente post-punk, sebbene più cupi e integralisti rispetto ai concittadini. La passione per Ian Curtis in questo caso segna una gradazione massima, per rifarsi a band più recenti possiamo citare soprattutto Protomartyr e Interpol, e anche un po’ gli Idles. Venerdì è uscito il loro LP di debutto, ‘When I Have Fears‘, che farà molto parlare.


Ci sono voluti ben cinque anni per dare un seguito a ‘Innerworld‘, loro apprezzato esordio del 2014. ‘Memory Emotion‘ (uscito lo scorso 9 agosto) è dunque quasi un nuovo esordio per gli Electric Youth, duo che è anche coppia nella vita formato da Bronwyn Griffin e Austin Garrick e proveniente da Toronto, Canada. Il loro è un electro/dream-pop ballabile ma allo stesso tempo raffinato, che ha un tocco piuttosto French, anche nella vocalità da chanteuse di Brownyn.


Anche Haley Grant e Kaylee Jasperson, in arte The Harmaleighs, ci hanno messo parecchio a dare un seguito al loro esordio: quattro anni. ‘She Won’t Make Sense‘, però, vale l’attesa, soprattutto per chi predilige la tradizione folk-rock Americana (non a caso le due ragazze sono di Nashville). Coppia anche nella vita, negli ultimi tempi loro unione è stata messa a dura prova a causa dei problemi di salute di Haley. Questo sophomore è una sorta di concept che parla proprio della sua battaglia contro ansia, depressione e paranoia.