Le news di oggi: Aurora, Chemical Brothers, Broken Social Scene, Sharon Van Etten, St. Vincent

Il risveglio mattutino ha quest’oggi portato una grossa sorpresa: il secondo album di Aurora Aksnes, in arte Aurora. Il disco, che si intitola ‘Infections Of A Different Kind – Step 1‘ è stato pubblicato senza preavviso sulle piattaforme streaming. Contiene otto tracce (tra cui i singoli ‘Queendom‘ e ‘Forgotten Love‘) e presuppone un seguito che la giovane cantautrice norvegese afferma potrebbe arrivare nel 2020. A proposito del suo nuovo lavoro, Aurora ha rilasciato una lunga intervista a ‘Nme.com’ che potete trovare qui.


Dal canto loro, i Chemical Brothers si sono limitati a una sola canzone: ‘Free Yourself‘ è il loro primo inedito dal 2016 (quando uscì il singolo ‘C-H-E-M-I-C-A-L‘), ma non è ancora noto se prelude a un nuovo album, che seguirebbe a ‘Born In The Echoes‘ del 2015.


Anche i Broken Social Scene hanno diffuso oggi un loro brano, che però non è completamente un inedito: ‘Old Dead Young‘ era apparso solo sulla versione in vinile di ‘Hug Of Thunder‘, l’album uscito lo scorso anno. Kevin Drew ha detto di volerla diffondere “a più gente possibile“.


Attraverso la foto di una t-shirt che recitava testualmente “When is Sharon Van Etten’s next album?“, Sharon Van Etten aveva annunciato qualche settimana fa l’esistenza del suo nuovo album, che si ipotizzava potesse uscire nel 2019. Le magliette, in vendita sul suo store personale, sono già sold out, ma chi l’ha ricevuta potrebbe aver avuto la risposta: sul retro è infatti scritto “01182019“, ovvero la scrittura americana della data 18 gennaio 2019. Guarda caso, è un venerdì.


St. Vincent continua ad auto-remixarsi ‘Slow Disco‘, brano contenuto nel suo ultimo album, ‘Masseduction‘. Dopo ‘Fast Slow Disco‘ è la volta di ‘Slow Slow Disco‘, divenuta una ballata solo voce e pianoforte.


Lascia un commento


Indie-Rock.it è un blog personale ideato e redatto da Cristiano Gruppi.
È stato fondato a dicembre 2005 e 'ricondizionato' a febbraio 2018.
Intende trattare esclusivamente di rock alternativo internazionale.
NON si occupa, dunque, di artisti italiani.