Le nuove band del weekend: Pip Blom, Clairo, Mush, Lungbutter

Quartetto olandese di Amsterdam, i Pip Blom sono presto dovuti emigrare a Londra, dove li attendeva un contratto con la Heavenly Records e la registrazione del loro album d’esordio, ‘Boat‘, uscito venerdì. La loro denominazione è il nome della loro frontwoman, artefice del progetto in associazione con il fratello Tender. Il loro gradevole guitar-pop li rende un’ideale band di apertura, come si evince dal singolo ‘Daddy Issues‘: Breeders, Franz Ferdinand e Garbage hanno già usufruito dei loro servigi.


Bisognerà invece attendere il 2 agosto per l’LP di debutto di Clairo, ventenne di  Carlisle (Massachusetts) che all’anagrafe fa Claire Cottrill. ‘Immunity‘ (Fader/Caroline) arriva dopo il successo di ‘Pretty Girl‘, brano auto-prodotto che è riuscito a raggiungere i 350 milioni di streaming. Per completare il suo primo disco le ha dato una mano l’ex Vampire Weekend Rostam Batmanglij: c’è la sua mano anche nel dream-pop del nuovo estratto ‘Bags‘.


Sonic Youth, Pavement, The Fall, Pixies, Parquet Courts sono i riferimenti citati sulla pagina Facebook dei Mush, quartetto di Leeds dedito a un art-pop tutt’altro che prevedibile. Per loro solo singoli sinora, e un EP di presentazione, uscito questo weekend per Memphis Industries, che si chiama per l’appunto ‘Introduction Party‘. Il clima festaiolo è in effetti caratteristica della loro musica, come si può constatare nel video, piuttosto divertente, del singolo ‘Litvinenko‘.


Sembrano tre ragazze tranquille le Lungbutter, canadesi di Montreal che invece sono quanto di meno rassicurante si possa scovare. Sorprendono sempre, soprattutto per l’atipicità delle loro composizioni, che le rende difficilmente classificabili. Andiamo allora a leggere la press-release di ‘Honey‘, il loro esordio uscito due giorni fa, che parla di un mix di “punk, free-noise, sludge rock e slowcore“, certamente non mieloso come il titolo suggerirebbe, ravvisabile nell’ostico singolo ‘Intrinsic‘.