Soccer Mommy: ‘Clean’ (Fat Possum, 2018)

Sophie Allison, in arte Soccer Mommy, dopo una serie di auto-produzioni finite su un numero piuttosto ampio di streaming network (Soundcloud, Bandcamp, Tumblr), giunge al primo vero album in carriera con invidiabile maturità. 20 anni, da Nashville, grazie alle canzoni postate online è stata notata dalla Fat Possum, che le ha donato una vera e propria band per realizzare il disco “che avrei sempre voluto fare“. Idee chiare dunque, che si riflettono in un suono che è sicuramente (indie-)pop, ma che è pure sofisticato nella sua immediatezza.

Immaginatevi Courtney Barnett che diventa frontwoman dei Beach House e potreste farvi un’idea di ciò che è contenuto in queste 10 canzoni, che hanno quell’ingenua e timida dolcezza della girl next door, canalizzata perfettamente dalla produzione di Gabe Wax (già in studio con War On Drugs, Deerhunter e Beirut, tanto per dire). Di base, però, per un prodotto musicale di qualità è fondamentale avere le canzoni, e Sophie le ha: ‘Cool‘, ‘Your Dog‘, ‘Last Girl‘, ‘Skin‘ ad esempio, ma anche diverse altre. Certo, a volte verrebbe voglia di darle una spinta, verrebbe da urlarle “bu!” per farla uscire anche solo un attimo da quell’aura pacata e rassicurante che si è/le è stata costruita. E’ l’unico limite di questo disco, il persistere un po’ troppo a lungo su una stessa atmosfera. Un album così, però, a 20 anni non è certo comune realizzarlo, per cui non possiamo dirle null’altro che questo: brava.

VOTO: 🙂



 

Lascia un commento