Le news di oggi: Death Cab For Cutie, Unknown Mortal Orchestra, Lust For Youth, Dirty Projectors, Arthur Buck

Arriverà ad agosto il nuovo album dei Death Cab For Cutie. Lo annuncia un teaser diffuso dalla band americana insieme al calendario di alcuni concerti (solo due in Europa: il 16 giugno ad Amsteleveen in Olanda e il 18 giugno a Londra). Non ci sono titoli, scalette o date di pubblicazioni ufficiali, ma solamente la scritta “August 2018” al termine del breve video.


Il Siren Festival di Vasto avrà un prorogo a Roma: mercoledì 6 giugno al Largo Venue si esibiranno, nella serata ufficiale di “preview”, Unknown Mortal Orchestra e Tune-Yards. I biglietti costano 20 euro sia in prevendita (diritti e commissioni inclusi) che all’ingresso.


Presto in Italia anche i Lust For Youth, che venerdì 1 giugno saranno all’Hana-Bi di Marina di Ravenna e sabato 2 al Summer Student Festival di Padova. Entrambi gli show saranno a ingresso gratuito.


Tornando ai dischi, di oggi l’annuncio anche per il nuovo album dei Dirty Projectors, che uscirà il 13 luglio prossimo con il titolo di ‘Lamp Lit Prose‘. Prodotto dal leader del gruppo Dave Longstreth, vanta le collaborazioni, tra gli altri, di Robin Pecknold dei Fleet Foxes, delle Haim e dell’ex Vampire Weekend Rostam. La nota stampa fa ben sperare affermando che “Le chitarre sono tornate nel mondo dei Dirty Projectors, così come le armonie vocali complesse“. Primo estratto è un brano chiamato ‘Break-Thru‘.


Altro LP in uscita nei prossimi mesi è quello del nuovo progetto comune di Joseph Arthur con l’ex REM Peter Buck. I due si fanno chiamare, non molto originalmente a dire il vero, Arthur Buck, e così si intitola il loro primo album che uscirà il 15 giugno. I due, incontratisi in Messico a fine 2017, avrebbero cominciato immediatamente a registrare materiale insieme, poi prodotto dallo stesso Arthur. Primo estratto è un brano chiamato ‘I Am The Moment‘.


 

Lascia un commento


Indie-Rock.it è un blog personale ideato e redatto da Cristiano Gruppi.
È stato fondato a dicembre 2005 e 'ricondizionato' a febbraio 2018.
Intende trattare esclusivamente di rock alternativo internazionale.
NON si occupa, dunque, di artisti italiani.