Le news di oggi: Vampire Weekend, Ypsigrock, Julia Shapiro, National

Dopo la pubblicazione del nuovo album ‘Father Of The Bride‘ per i Vampire Weekend è tempo di suonarlo in concerto. Una data italiana è da oggi in programma, e anche relativamente presto: martedì 9 luglio Ezra Koenig e soci suoneranno al Magnolia di Segrate (MI). I biglietti saranno in prevendita su Ticketone dalle 10 di domani e costeranno 30 euro più diritti e commissioni. Informazione importante: lo show inizierà prima del solito, alle 20:30, con apertura porte alle 19.


Giornata di nuovi annunci per Ypsigrock: il festival siciliano ha oggi aggiunto alla propria line-up Baloji, Dope Saint Jude, Free Love, Mokado, La Rappresentante di Lista e Pick A Piper che si uniscono a SpiritualizedDavid AugustWhitney, Let’s Eat Grandma, Fontaines D.C., Whispering Sons e WWWater già confermati nelle scorse settimane. Invariato per il momento il prezzo degli abbonamenti, 89 euro più diritti e commissioni di prevendita, che saliranno però a 99 + d.p. a breve. Ypsigrock 2019 si terrà tra l’8 e l’11 agosto nella consueta location di Castelbuono, in provincia di Palermo.


Uscirà il 14 giugno ‘Perfect Version‘, l’album di debutto di Julia Shapiro, frontwoman delle Chastity Belt. Conterrà 10 canzoni scritte durante un periodo molto difficile per la musicista, debilitata da una malattia e psicologicamente scossa dalla fine di una relazione. Julia ha suonato tutti gli strumenti del disco, registrato nel proprio monolocale di Seattle ispirandosi alla musica di Elliott Smith. In scaletta ci sono anche i due singoli sinora estratti, ‘Natural‘ e ‘A Couple Highs‘.



Mancano solo quattro giorni alla pubblicazione dell’album dei National, ‘I Am Easy To Find‘, più nessuno a quello della diffusione del cortometraggio diretto da Mike Mills a esso collegato. Il film di 24 minuti, di cui vi avevamo già parlato qui, è infatti da oggi disponibile su YouTube nella sua interezza. Al suo interno molteplici estratti dalle canzoni dell’album, ma guardatelo anche per la bellezza dell’opera in sé, davvero toccante. Il regista e il frontman dei National Matt Berninger sono stati intervistati sull’argomento da NME, trovate la video-intervista a questo link.